La valigia dei sentimenti


E poi capita che una storia finisca, per volere dell'uno o dell'altro, si mette un punto e si decide che, d'ora in poi, le strade di due persone che si sono amate si separano. 
Non sai bene come si fa a non considerare più quella persona parte della tua vita, a non rivolgerti più a lei nel momento del bisogno e a non condividere più con lei ogni cosa bella o interessante che ti accade. Ma è così, a un certo punto tutto cambia.
Si dice che la fine di un amore si possa paragonare a un lutto e tu stai vivendo il tuo personale funerale.
Non rimangono più parole, nemmeno gli sguardi trovano il coraggio di farsi avanti, così si abbassa la testa ed è allora che vedi il pavimento....pieno delle tue cose, cose cadute, abbandonate nel corso del tempo, cose ignorate e calpestate e capisci che devi raccoglierle prima di andartene.
Così prendi una valigia e ci metti dentro tutti i tuoi sentimenti, i tuoi problemi, le tue speranze, l'amore donato e sprecato, i gesti, le difficoltà di ogni giorno, tutto ciò che hai condiviso...lo ficchi nella valigia a forza, sempre con la testa bassa. Dentro c'è un gran disordine ed è difficile racchiudere tutto in poco spazio ma la chiudi comunque, la afferri e te ne vai. 
E' l'inizio di un viaggio verso una destinazione ancora sconosciuta, un posto in cui poter di nuovo disfare quella valigia... Ma nel frattempo ne senti tutto il peso, nessuno ti aiuterà a portarla, siete solo tu e la tua valigia. Forse nel cammino butterai via qualcosa perché il fardello possa essere più sopportabile, forse non la aprirai mai più, forse incontrerai qualcuno che ti aiuterà a portarla ma senza mai volerla aprire, però sai che non puoi lasciarla lì, con chi non ne ha mai apprezzato il contenuto.
Guardi un ultima volta la lapide e vedi che non c'è scritto nulla. Non si racconta delle umiliazioni, non si fa cenno della sofferenza, nessuno ha scritto nemmeno dell'amore perché chi passerà di lì non possa sapere, solo tu lo saprai...
Poi ti accorgi di non essere la sola a guardarla ma sei certa che lui non ci vede scritto quello che vedi tu...allora, come si conviene, prendi la tua valigia, porgi l'estremo saluto e inizi il tuo nuovo cammino...


Hai fatto tutta quella strada per arrivare fin qui
ma adesso forse ti puoi riposare
un bagno caldo e qualcosa di fresco
da bere e da mangiare
ti apro io la valigia mentre tu resti li
e piano piano ti faccio vedere
c'erano solo quattro farfalle 
un po' più dure a morire....

Commenti